“L’arcipelago delle meraviglie. Mostra per i 100 anni dalla nascita di Paolo Budinich”, SISSA e Immaginario Scientifico in collaborazione con Università di Trieste, ICTP, TWAS e FIT

“L’arcipelago delle meraviglie”, il libro autobiografico di Budinich che dà il titolo alla mostra, aperta a Trieste a Palazzo Costanzi, tutti i giorni fino al 25 settembre

sissa trieste

 

Presentazione de “L’arcipelago delle meraviglie”, l’autobiografia di Paolo Budinich, padre della Trieste scientifica

Mercoledì 14 settembre alle 18 a Palazzo Costanzi (Trieste)

Uno speciale omaggio al padre della Trieste scientifica, Paolo Budinich, è in programma domani, mercoledì 14 settembre, nell’ambito della mostra che ne celebra il centesimo anniversario dalla nascita.

Alle 18 nella Sala Veruda di Palazzo Costanzi, in piazza Piccola a Trieste, verrà presentato “L’arcipelago delle meraviglie”, il libro autobiografico di Budinich (1916-2013) che dà il titolo alla mostra, aperta a Palazzo Costanzi tutti i giorni fino al 25 settembre (dalle 10 alle 20, ingresso gratuito) e realizzata da SISSA e Immaginario Scientifico, con il contributo del Comune di Trieste e in collaborazione con Università degli Studi di Trieste, Centro Internazionale di Fisica Teorica “Abdus Salam” (ICTP), The World Academy of Sciences (TWAS) e Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze (FIT).

Scritto all’età di 84 anni dal professore che ha dato vita al Sistema-Trieste come polo scientifico di rilevanza internazionale, il volume (edito da Beit nel 2000, oggi alla quinta ristampa) racconta le “avventure di mare e di scienza” che dapprima, nel 1964, l’hanno portato a fondare, assieme al fisico pakistano Abdus Salam, il Centro Internazionale di Fisica Teorica (ICTP) e poi a promuovere la nascita della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA), dell’Area Science Park, del sincrotrone Elettra, del Centro Internazionale di Genetica e Biotecnologie (ICBEG) e dell’Immaginario Scientifico.

«La sua vita si divideva tra passione per la ricerca e passione per il mare» ricorda Simona Cerrato di SISSA Medialab, fisica che non ha più lasciato il lavoro nel capoluogo giuliano da quando venne chiamata dal professore, nel lontano 1991. Mercoledì, al fianco di Cerrato, la vita dello scienziato sarà ricordata anche dal giornalista scientifico Pietro Greco, conduttore di Radio3Scienza e autore del libro “Buongiorno prof. Budinich. La storia eccezionale di un fisico italiano”, edito nel 2007 da Bompiani. Info: pagina Facebook “Arcipelagomeraviglie”.

 

Elena Placitelli, ufficio stampa SISSA